Logo stampa

Contabilizzazione individuale del calore

Contabilizzazione individuale condomini

D. Lgs. 102/2014: attuazione della direttiva 2012/27/UE sull'efficienza energetica, che modifica le direttive 2009/125/CE e 2010/30/UE e abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE

 


La norma stabilisce un quadro di misure per la promozione e il miglioramento dell’efficienza energetica che concorrono al conseguimento dell’obiettivo nazionale di risparmio energetico  e detta regole finalizzate a rimuovere gli ostacoli sul mercato dell’energia e a superare le carenze del mercato che frenano l’efficienza nella fornitura e negli usi finali dell’energia.
L'obiettivo nazionale indicativo  di  risparmio  energetico  cui concorrono le misure del presente decreto, consiste nella  riduzione, entro l'anno  2020,  di  20  milioni  di  tonnellate  equivalenti  di petrolio dei consumi di energia primaria,  pari  a  15,5  milioni  di tonnellate equivalenti di petrolio di energia finale,  conteggiati  a partire dal 2010, in coerenza con la Strategia energetica nazionale.

L'art. 9 del provvedimento è dedicato alla ‘misurazione e fatturazione dei consumi energetici’ e prevede che la contabilizzazione individuale del calore diventi obbligatoria su tutto il territorio nazionale dal 1 gennaio 2017.

Questa norma è di rango superiore a tutti i provvedimenti regionali oggi vigenti, che pertanto decadono qualora palesemente in contrasto con la nuova norma nazionale. Il provvedimento definisce inoltre specifiche sanzioni per i condomini che non si adeguino alle richieste normative.

Il Decreto Legislativo 4 luglio 2014, n. 102 – Punti chiave

 Art. 9

[…]

5. Per favorire il contenimento dei consumi energetici attraverso la contabilizzazione dei consumi individuali e la suddivisione delle spese in base ai consumi effettivi di ciascun centro di consumo individuale:

[…]

b) nei condomini e negli edifici polifunzionali riforniti da una fonte di riscaldamento o raffreddamento centralizzata o da una rete di teleriscaldamento o da un sistema di fornitura centralizzato che alimenta una pluralità di edifici, è obbligatoria l’installazione entro il 31 dicembre 2016 da parte delle imprese di fornitura del servizio di contatori individuali per misurare l’effettivo consumo di calore o di raffreddamento o di acqua calda per ciascuna unità immobiliare, nella misura in cui sia tecnicamente possibile, efficiente in termini di costi e proporzionato rispetto ai risparmi energetici potenziali..."

d) [...] per la corretta suddivisione delle spese connesse al consumo di calore per il riscaldamento degli appartamenti e delle aree comuni, qualora le scale e i corridoi siano dotati di radiatori, e all’uso di acqua calda per il fabbisogno domestico, se prodotta in modo centralizzato, l’importo complessivo deve essere suddiviso in relazione agli effettivi prelievi volontari di energia termica utile e ai costi generali per la manutenzione dell’impianto, secondo quanto previsto dalla norma tecnica UNI 10200 e successivi aggiornamenti.

[…]

Art. 16

8. É soggetto ad una sanzione amministrativa da 500 a 2500 euro il condominio alimentato dal teleriscaldamento o dal teleraffreddamento o da sistemi comuni di riscaldamento o raffreddamento che non ripartisce le spese in conformità alle disposizioni di cui all’articolo 9 comma 5 lettera d

 
 
 
Ecomondo
 
 
 
Presentazione del Gruppo Hera